Stato&Mercato

L'economia del "Fatto Quotidiano". Il blog di Stefano Feltri

Bamboccioni di una volta

dal Fatto Quotidiano del 19 gennaio

di Stefano Feltri

Tommaso Padoa Schioppa

Il primo gruppo che compare su Facebook cercando la parola “bamboccioni” ha 64 iscritti e una dichiarazione d’intenti: “Per chi ha dai 28 ai 38 anni e vive ancora a casa con i suo, perchè non c’è lavoro, gli affitti sono cari ma soprattutto xchè a casa hai sky e chi cucina per te”. Non ci sono proteste contro Renato Brunetta, il ministro della Funzione Pubblica, che dopo aver combattuto i fannulloni sogna una legge “anti bamboccioni” per costringere “i figli a uscire di casa a 18 anni. Sono le vittime di un sistema e di un’organizzazione sociale in cui sono i genitori a dover fare mea culpa”.

ASSALTO A TPS. Oggi gli altri ministri del governo commentano con memorie personali (Ignazio La Russa, per esempio, confessa di essere rimasto a casa fino al matrimonio, a 27 anni). Un po’ critici solo i leghisti. Umberto Bossi: “Quella di Brunetta è una battuta”. Il commento più duro viene dall’opposizione, con l’Italia dei Valori che accusa il ministro della Funzione pubblica “di vivere nel mondo dei puffi”. Eppure sono passati soltanto poco più di due anni da quando il ministro della gioventù Giorgia Meloni guidava per le strade di Roma il corteo di Azione Giovani contro il governo Prodi con lo slogan “Bamboccioni ce sarete” (tradotto: “Bamboccioni sarete voi”). Oggi la Meloni dice: “Stimo Brunetta, la sua è una provocazione, i bamboccioni, quelli che non se ne vanno dalla casa dei genitori perché stanno troppo comodi, sono al massimo il dieci per cento. Gli altri semplicemente perché non possono”. Eppure il termine è lo stesso che fece precipitare la popolarità del ministro dell’Economia Tommaso Padoa Schioppa (insieme alla dichiarazione che “le tasse sono bellissime”). C’è ameno una differenza di sostanza, però: oggi Brunetta vuole costringere i diciottenni a lasciare i genitori per legge. Nell’ottobre 2007 Padoa Schioppa stava scrivendo una legge Finanziaria per il 2008 in cui stanziava incentivi per favorire i ragazzi che volevano provare a farcela da soli. Queste le parole che, all’epoca, scatenarono la polemica: “Queste misure serviranno anche a mandare i bamboccioni fuori di casa, cioè a incentivare l’uscita di casa dei giovani che restano fino a età inverosimili con i genitori. Non crescono mai, non si sposano, non si rendono autonomi”. Il ministro si riferiva a detrazioni fiscali per i ragazzi tra i 20 e i 30 anni che prendevano una casa in affitto (fino a 1000 euro, a seconda del reddito famigliare”. Con qualche rara eccezione – come Umberto Eco – anche da sinistra parte l’attacco a TPS: per i comunisti italiani si tratta di un “epiteto infelice”, l’allora ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni lo contraddice, “i nostri giovani non sono bamboccioni”, mentre dentro il governo c’è quasi soltanto Fabio Mussi, ministro dell’Università e della ricerca, che si spende pubblicamente a favore di TPS. Padoa Schioppa, che terminata l’esperienza di governo ha ricominciato a occuparsi di finanza internazionale e regole globali (prima di fare il ministro stava alla Banca centrale europea), non vuole commentare le parole di Brunetta o rievocare i giorni difficili dei “bamboccioni”.

BAMBOCCIONI A CHI? L’ex-ministro si perde così l’occasione per sottolineare le differenza tra quello che il centrodestra diceva allora e quello che dice (o non dice) in risposta a Brunetta. Su Libero, per esempio, il deputato del Pdl Renato Farina che all’epoca era soltanto un giornalista, diceva: “Pirlacchione sarà allora il ministro e tutti i suoi colleghi. O se vi piace di più va bene ciulanda”.Per Giulio Tremonti, successore di Padoa Schioppa alla guida del Tesoro, “quel linguaggio dimostra quanto distante sia la sinista dalla realtà” e ancora “i bamboccioni non stanno a casa, ma stanno al governo”. Chi usa parole come “bamboccioni” ha una “visione penitenziale e punitiva della vita che si combina con il paternalismo altezzoso”. Lo diceva Fabrizio Cicchitto, oggi capogruppo del Popolo della libertà alla Camera.

Annunci

19/01/2010 Posted by | Articoli, Il Fatto Quotidiano | , , , , , , , | Lascia un commento